sabato 15 ottobre 2016

Come regolare la cerniera di una porta?

Come regolare la cerniera di una porta?
Prima o poi arriva il momento in cui una porta inizia a toccare il pavimento, o meglio a strusciare al suolo, segnando il parquet, graffiando le mattonelle o il marmo praticamente rovinando il pavimento di casa. Da qui la domanda:
Costa più sostituire il pavimento o regolare la porta difettosa?
Certamente regolare la porta. Ma costa più chiamare un falegname/fabbro, oppure ripararla da soli?
Anche in questo caso la seconda risposta sarebbe la migliore. Ma è anche vero che per montare, registrare o regolare le porte bisogna saperlo fare, altrimanti il risultato potrebbe essre peggiore del danno iniziale!

Vediamo, qui di seguito, alcune semplici istruzioni su come fare  per regolare le cerniere delle porte di casa o dell'ufficio.

Le cerniere delle porte sono di vario tipo, marca e modello, vediamo quelle più diffuse:
cerniera-cardine-bandella
Normalmente sono composte da una parte fissa incassata nello stìpite della paorta chiamato cardine,e un elemento fissato alla porta chiamato bandella.
cerniera-porta-fissa
La maggior parte delle porte interne hanno cerniere fisse, non regolabili, tranne in altezza aggiungendo tra cardine e bandella dei cerchietti di metallo, che creano uno spessore alzando la porta da terra e risolvendo così il problema.

Vediamo la regolazione della cerniera tridimensionale:
regolazione-cerniera-tridimensionale
Come vediamo nella foto è possibile intervenire con tre regolazioni su questo tipo di cerniera.
Le regolazioni le chiameremo X (allineamento), Z (altezza) e W (accostamento).
Bisogna considerare che le porte che montano questo tipo di cerniera ne hanno di solito 2 o 3, quindi dovremo agire su tutte le cerniere.
Come regolare la cerniera di una porta
Allineamento:
Questo è il caso in cui la porta non chiude bene perchè la battuta della porta è distante dallo stipite, oppure la porta è leggermente storta rispetto allo stipite.
In questo caso con una chiave a brugola andremo ad agire sulla vite X. E con brevi movimenti, un quarto di giro alla volta, andremo a regolare la porta rispetto allo stipite.

Altezza:
Questo è il caso in cui la porta tocca il pavimento aprendola o chiudendola, in questo caso agiremo sulla vite a brugola Z, sempre con piccole correzioni, un quarto di giro per volta, andremo a sistemare la porta.

Accostamento:
In questo caso la porta quando è chiusa non aderisce bene allo stipite, creando spazi vuoti e favorendo, per esempio, il pasaggio d'aria, specialmente dal lato delle cerniere. Qui sempre con la chiave a brugola agiremo sulla vite W, agevolando l'aderenza della porta allo stipite.
regolare le cerniere delle porte
Ricordare di lubrificare le cerniere con olio o grasso spray, così da favorire un movimento fluido della porta. La verifica è molto semplice se la porta apre e chiude bene, senza resistenze e non tocca da nessuna parte, il gioco è fatto.

Come regolare le cerniere delle ante dell'armadio?

16 commenti :

  1. Buonasera,la mia porta non è accostata in maniera uniforme allo stipite, nello specifico la parte bassa presenta uno spazio superiore rispetto a quella alta. Ho verificato le mie cerniere ma non hanno le viti di cui si parla nell'articolo, come posso fare? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno e grazie a lei per aver scritto.
      Se la porta non ha le cerniere regolabili, quindi sono fisse, solitamente si può effettuare facilmente solo la regolazione in altezza della porta.
      Sfilando la porta dai cardini generalmente ci sono dei piccoli cerchietti di metallo infilati sulla parte del cardine (come si vede nella foto della cerniera fissa). Questi cerchietti sono uno spessore e vengono inseriti o tolti a seconda dell'altezza che vogliamo ottenere della porta.
      I cerchietti di metallo si trovano nei brico center o ferramenta, ed è possibile trovarli anche di vario spessore.
      Nel suo caso però credo di aver capito che a porta chiusa la parte inferiore si distacca dallo stipite rispetto a quello superiore.
      In questo caso si può provare a sfilare la porta e verificare se possibile avvitare la bandella o il cardine della cerniera incriminata, in modo da ridurre il difetto.
      Spero di essere stato chiaro perchè sono operazioni più semplici a fare che a descrivere.

      Elimina
  2. Buona sera, la mia porta si apre da sola e non sta ferma accostata. In questo caso su cosa devo intervenire?

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Il Chiodo3 ottobre 2017 10:08
      Salve,
      Se la porta è accostata e si apre da sola vuol dire che non è allineata bene, con l'aiuto di una livella di può intervenire sulle cerniere dalla porta in modo da assicurarsi che la porta stessa sia dritta.
      Se il difetto persiste, si va ad intervenire con piccole regolazioni sulle cerniere così da correggere il problema. Parliamo di porte con cerniere regolabili come raffigurato nel post, perchè con le cerniere fisse è più difficile la regolazione, si deve intervenire attraverso i distaziatori (cerchietti di metallo) o sul fissaggio della bandella o cardine che magari si sono allentate con il tempo e l'usura.

      Elimina
  3. Buongiorno,

    scusate se scrivo una cosa leggermente diversa: tale cerniera somiglia a quella per portefinestre in pvc e nel mio caso avrei necessità di lubrificarla in modo da non sentire scricchiolii.
    La portafinestra è pesante e mi chiedevo come si possa lubrificare senza togliere le viti di registrazione o sollevare la porta separando bandella e cardine.
    Quel è la soluzione corretta?
    Grazie,
    Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve, solitamente sulle cernire degli infissi si trova un piccolo tappo di plastica. Rimuovendolo si può versare del lubrificante così da risolvere il problema del cigolio. In caso contrario meglio rivolgersi al rivenditore.

      Elimina
  4. La regolazione delle cerniere descritta sopra è perfetta, sono riuscito a sistemare diverse porta, ma adesso ho difficoltà a regolare una porta a due ante, in cui quando metto lo scrocco, il primo giro va bene ma il secondo no se non tiro la porta verso di me. Sai dirmi cosa devo regolare esattamente in questo caso perchè non riesco a capirlo?
    Grazie
    Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, mi fa piacere che sei riuscito a regolare alcune porte.
      Quello che posso consigliarti è di regolare prima la porta (senza maniglia) con l'aiuto di una livella magari, e verificare che sia dritta e aderisca bene allo stipite. Successivamente regolare l'anta con la chiusura a scrocco.
      Quando ci sono due parti mobili è più complicata la regolazione, ma se ti accerti che una è regolata bene dovrebbe risultare più semplice anche la regolazione dell'altra.

      Elimina
  5. Salve. Il mio problema è differente. Ho delle cerniere di porta blindata praticamente identiche a queste del link
    http://www.stilnova.net/files/cerniera-registrabile--640x480-.jpg
    Non sembra che le viti agiscano regolando al posizione secondo degli assi, ma che piuttosto le rendano più "mobili" ma non ne capisco il principio. E proprio per questo motivo il risultato dei miei tentativi è che non riesco ad avere una porta che scorra per bene (in alcuni tentativi non riusciva a chiudersi nemmeno ovviamente essendo completamente sbilanciata). Cosa ne pensate? se solo riuscissi a capire il principio di funzionamento probabilmente potrei essere più efficace...tra l'altro la terza piccola vite esagonale (quella più piccola rispetto alle altre due)sembra stringersi sia in senso orario che antiorario...........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, preciso subito che non conosco quel tipo cerniera, ma dalla foto mi sembra che manca il movimento X, ma credo si possa regolare anche senza quello. In effetti il movimento X è una rifinitura ma il grosso è fatto dagli altri due movimenti.
      Detto questo il consiglio è di regolare a piccoli movimenti di mezzo giro alla volta, in modo da non sfasare la porta. Guarda attentamente quando giri la brugola che movimento fa la porta, in modo da regolarti di conseguenza. Se non riesci forse è meglio rivolgerti a un professionista.

      Elimina
  6. utilissimo. ho risolto
    la descrizione con immagini e testo è molto più efficace di un tutorial video.
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberto, grazie mille a te.
      Hai ragione, quando devi seguire una procedura passo passo magari un filo difficile, è più semplice seguirla immagine/testo. In questo modo ci si può soffermare senza mandare continuamente il video indietro.

      Elimina
  7. Salve, io ho questo problema con un paio di porte interne: si chiudono bene ma quando devo aprirle sembrano incastrate e devo applicare un po' di forza per aprirle. Le mie porte hanno i cardini fissi, non posso regolarli con la chiave. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve e grazie a te,
      Purtroppo le informazioni sono un po' vaghe. Si incasta la serratura o la porta? Se è la porta, dove si incasta a terra o nello stipite? Se si incasta nello stipite, in alto e nei laterali?
      Bisogna verificare bene dove la porta si incastra e fa resistenza. Perchè di solito si parte dalla porta me potrebbe anche essersi deformato lo stipite, bisogna ricordarsi che il legno si muove.
      Dalla descrizione ipotizzo che tocchi lo stipite, in quel caso con i cardini fissi si può intervenire esclusivamente sulle bandelle. Magari provare a toglierle e successivamente riposizionarle variandone lo spessore da più sottili a più doppie. Così da trovare l'altezza ideale.
      Se variando l'altezza il problema resta vuol dire che lo stipite è deformato. Va verificato se è fissato bene al telaio della porta. Oppure i cardini si sono mossi, le porte a vetro ad esempio, sono molto pesanti e tendono con il tempo a "scardinare" la porta.
      Spero di essere stato esaustivo e chiaro, alcuni argomenti sono più difficili a descriverli che a farli.

      Elimina